Austin, la capitale: dove abitiamo in vacanza con Home Exchange

Austin è una tipica città americana il cui motto, fin dalla guerra d’indipendenza del Texas, è «come and take it». Come dire, pensaci da te a quello che ti riguarda, e questo me la rende ancora più simpatica. Abitiamo in una villa con piscina nel quartiere di North Hills. Mi sembra di essere una delle protagoniste di Desperate Housewife: il vialetto con le villette dei vicini, diverse ma simili, le macchine tipicamente americane lasciate fuori dai garage, le persone che ti salutano con formale cordialità americana. Insomma, sono dove avrei voluto essere. Abbiamo fatto lo scambio casa con Mark e Sheila e le loro due bambine. Ci hanno però lasciato il compito di prenderci cura di Luna, il loro gatto. Ma a questo ci pensano, entusiasti, i miei due figli, Francesco ed Eleonora.

Il primo giorno, appena sveglie, Eleonora e io, usciamo di casa e incontriamo una nostra vicina, Susi, che insegna antropologia all’Università e parla un americano molto comprensibile (non sempre è facile capire i texani, strascicano molte parole). Ci porta la colazione a casa come segno di benvenuto! Mi viene quasi da piangere dalla commozione paragonando la sua gentilezza a quella dei miei connazionali. Tanto per fare un esempio, quando sono venuti Mark e Sheila a Firenze, una coppia di anziani nel mio piccolo condominio era arrabbiatissima con me per avere dato il mio appartamento a degli «stranieri»!

Qui sono tutti gentili, è un quartiere tranquillo e i vicini sanno che degli italiani abitano nella villa dei Frein. Quindi sono particolarmente amichevoli con noi. Nonostante io detesti la fatica decido di fare una corsetta nei dintorni. Resisto poco (come sempre), sarà a causa della forte umidità?

La vera meraviglia però sono le famiglie di cervi con i loro cerbiatti che vengono, la mattina presto, davanti a casa a brucare il prato. Non sembra che abbiano molta paura degli umani, infatti possiamo avvicinarci quasi a toccarli. Tutte le mattine esco di casa per incontrarli.

Nota comoda: ad Austin occorre la macchina con navigatore. Altrimenti non riuscite ad arrivare da nessuna parte, le strade si somigliano un po’ tutte e i texani sono di modi aggressivi e decisi anche quando guidano!



Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: